Ti serve aiuto ? Scrivici su WhatsApp !

Nessun fornitore

I nostri contatti
Speciali
Quanti tipi di sigaretta eletronica essiste

Quanti tipi di sigaretta eletronica essiste

Sigaretta Elettronica Quanti tipi di sigaretta eletronica essiste Prima di illustrare quante tipologie di e-cigarette siano attualmente diffuse in commercio, è giusto chiarire cos'è e il motivo per cui questo apparato elettronico esista. Una sigaretta elettronica (o e-cig) è un dispositivo funzionante con alimentazione a batteria, il cui scopo consiste nel convertire la nicotina dalla forma liquida ad uno stato vaporoso destinato all'inalazione da parte del fumatore. Di primo acchito si potrà notare che non c'è combustione, nè fiamma, e quindi nessuna risultante incenerita e conseguente odore di fumo. Le sigarette elettroniche permettono così di togliersi il piacere di una fumata attraverso una inalazione controllata, ovvero priva di tutte le sostanze chimiche e nocive proprie delle sigarette composte da tabacco, eliminando pertanto sia il monossido di carbonio che la presenza di catrame. SIGARETTA TRADIZIONALE vs SIGARETTA ELETTRONICA Comprendere il funzionamento di una sigaretta elettronica, apprendere le differenze che la distanziano dalla sigaretta classica, nonché conoscere i diversi elementi che la compongono, permetterà di capire le differenze che danno vita alle diverse tipologie presenti in commercio. La sigaretta tradizionale è costituita da un'anima di tabacco sminuzzato, contenuta in un avvolgimento cartaceo, e vede la presenza di un filtro collocato nel punto di inalazione per bloccare sia il calore che le componenti residuali della combustione. Il principio che ne rende possibile il funzionamento è che l'inalazione, che richiama aria attraverso il punto di combustione (dove c'è la fiamma) permette di alimentare la combustione che brucia assieme la carta e il tabacco. Ad ogni inspirazione corrisponde una fiammata che piano piano raggiungerà il filtro posto al termine del cilindro. L'aria aspirata è quindi il combustibile che mantiene la sigaretta accesa e genera fumo ad ogni inalazione. Nella sigaretta elettronica il processo di combustione è invece diverso. C'è la presenza di un sensore di pressione che viene sollecitato dall'aspirazione che il fumatore effettua appoggiando le labbra sul beccuccio. Ecco che il condotto d'aria viene percorso dal flusso d'aria inalato, generando una differenza di pressione tra il beccuccio ed il sensore. La deflessione della membrana del sensore è a tutti gli effetti una pressione che genera il flusso di corrente elettrica. Il segreto della sigaretta elettronica è che sfrutta l'effetto Joule: il passaggio di corrente in un cavo avvolto su sè stesso a formare una bobina genera calore, il quale si irradia al liquido contenuto in un piccolo contenitore adiacente. L'insieme degli elementi costituisce il vaporizzatore. Ecco che la miscela liquida riscaldata, per effetto della pressione, passa dallo stato liquido a quello gassoso. Il fumo che fuoriesce dal beccuccio non è altro che la miscela vaporizzata. Dalla parte opposta c'è un led che resta acceso per tutta la durata dell'inalazione, o comunque rispetta il tempo impiegato dalla membrana per flettersi e tornare nella posizione di riposo. Esso mimerà la fiammella tipica della sigaretta tradizionale. A seconda dell'intensità dell'aria aspirata dipenderà il riscaldamento applicato alla cartuccia del liquido: maggiore è l'inalazione, maggiore sarà l'evaporazione, e di conseguenza la concentrazione delle sostanze inalate. LE TIPOLOGIE PRESENTI SUL MERCATO Le sigarette elettroniche presenti sul mercato possono essere raggruppate in tre macro categorie: le CIGALIKES, che sono modelli che, per forma e dimensione, assomigliano alle sigarette tradizionali; le EGOS che, più grandi delle cigalikes, hanno un serbatoio removibile che può essere riempito con il liquido di preferenza; le MOD, che sono solitamente più grandi rispetto alle EGOS e possono essere personalizzate in modo pressoché infinito. Una CIGALIKE (neologismo che indica "cigarette-like" per la sua somiglianza fisica ad una sigaretta tradizionale) è una sigaretta elettronica creata per assomigliare fisicamente e far percepire sensazioni quanto più vicine possibili alla fruizione di una reale sigaretta di tabacco. La forma riproduce sia la misura ridotta che la leggerezza del design della sigaretta tradizionale, mimando addirittura (attraverso l'ausilio di un led rosso) la combustione che si intravvede attraverso il tabacco bruciato. L'alimentazione può derivare sia da una fonte monouso sia da batterie ricaricabili, generalmente agli ioni di litio che garantiscono performance migliori, più durature e con ingombri minori. La tipologia EGO è probabilmente il modello di sigaretta elettronica più diffuso, poiché offre prestazioni migliori rispetto ad una cigalike. Nonostante ciò non è particolarmente amata dai beginners e da coloro che fumano sporadicamente, in quanto la sua forma e le sue dimensioni non sono propriamente discrete e di facile fruizione. La maggior parte delle batterie sono manuali, attivate cioè attraverso la pressione di un pulsante. Questa funzione permette un maggiore controllo sulla quantità di vapore erogato, ma non è molto gradito dagli utenti occasionali che desiderano un'esperienza più tradizionale possibile. Le batterie intercambiabili disponibili sul mercato sono infinite e di varia potenza, e questo permette una customizzazione molto accurata. La gamma MOD, invece, rappresenta l'evoluzione più profonda applicabile ad una sigaretta elettronica. MOD è l'abbreviazione di "modifica" e, a differenza delle cigalike, le MOD amano esprimersi con dimensioni e forme particolari, a tratti bizzarre, ma con all'attivo regolazioni e modalità di personalizzazione decisamente più avanzate. Non a caso si trovano in vendita anche con l'acronimo AVP, abbreviativo di Advanced Personal Vaporizer. Si potrà così usufruire di batterie più grandi, ma più performanti; di serbatoi più grossi, ma più capienti; di contatori e modulatori di intensità di calore (e quindi di vaporizzazione). Pertanto il mondo delle sigarette elettroniche, sebbene sia riconducibile a tre macro categorie, è sostanzialmente infinito grazie alle illimitate possibilità di personalizzazione della propria e-cig. Si potrà scegliere la forma più discreta possibile, o optare per una costruzione su misura, modificando batteria, corpo esterno, tipologia di cartuccia, liquidi da vaporizzare, e utilizzando funzioni avanzate come led, contatori e modulatori vari.

Tutti i commenti

Lascia un commento